Tutti gli articoli

Finanziere a caccia di mafiosi, il Donnie Brasco italiano si racconta

Incontrandolo per strada mai pensereste di trovarvi davanti al Donnie Brasco italiano. L’arma segreta dell’agente K è proprio la normalità che da quindici anni lo accompagna nelle operazioni sotto copertura. È un finanziere del reparto dello Scico (Servizio centrale investigativo criminalità organizzata).

E la sua specialità è infiltrarsi nelle cellule della criminalità organizzata. Camorra, ‘ndrangheta, Cosa nostra. Quando parte l’ordine dei superiori per lui inizia una nuova vita e scompare per giorni, anche per mesi. L’obiettivo è raccogliere elementi di prova e ricostruire l’organigramma dell’organizzazione. Nomi, cognomi, cariche, ruoli. Operazioni top secret che ancora oggi lo vedono protagonista.

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione

Lascia un commento