Falso e truffa, assolti finanzieri e veterinari-Dopo 8 anni, l’epilogo di una vicenda che ha dell’assurdo

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Piero Argentiero

Assolti perché il fatto non sussiste due finanzieri e due veterinari accusati di falso e truffa a margine della morte di una unità cinofila (i cani-poliziotto) avvenuta qualche anno fa.

Accusa di falso perché i quattro imputati avrebbero fatto passare per visita domiciliare pagata 30 euro la visita in ambulatorio che costava all’epoca dei fatti – era il 2008 – 25 euro. Con un guadagno per i quattro di un euro e 25 centesimi a testa se le cose fossero andate secondo quanto sostenuto dall’accusa che aveva chiesto la condanna ad un anno di carcere a testa.

Ma il giudice monocratico Francesco Cacucci, ascoltato l’autore materiale del rapporto accusatore, ha accertato che si era trattato di un banale errore dovuto alla necessità di concentrare in poche righe l’evolversi dei fatti. E come detto ha assolto con formula piena i quattro imputati.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento