Tutti gli articoli

Difesa, l’Italia diventa modello per la Nato sullo sviluppo di software militare

L’Italia diventa un modello per la Nato per quanto riguarda lo sviluppo di software militare. L’Agenzia per la comunicazione e l’informazione (Nci) dell’Alleanza atlantica, infatti, sta guardando al Sistema di supporto al comando e controllo LC2EVO (Land Command and Control Evolution) e punta a presentarlo a ottobre ai comandi strategici con una serie di workshop, con l’obiettivo di farlo adottare a livello globale.

L’LC2EVO è in fase di sviluppo da parte dell’Esercito con l’innovativa metodologia “ITA Army Agile” (IA2). Il sistema è costituito da un portale, replicabile anche nei teatri di operazione, che consente di offrire ai suoi utenti a valle dell’autenticazione diverse funzionalità, che ogni cinque settimane vengono aggiornate e sottoposte alla sperimentazione dell’utente finale.

Le funzionalità sono suddivise in servizi di base (core services) quali, ad esempio, mail, chat, collaboration tools, gestore documentale e Functional Area Services (Fas) come il Battle Space Management comprensivo della gestione operazioni, gestione infrastrutture, visualizzazione tracce e posizioni, Infologistica, Gestione delle risorse energetiche, Jistar (Joint Intelligence Surveillance and Reconnnaissance), C/Ied (Counter Improvised Explosive Devices) e Military Engineering, Bonifica da Ordigni Esplosivi, Targeting and Joint Fires. Inoltre, il sistema adopera un’interfaccia uomo-macchina semplice e intuitiva e riflette le procedure in uso alla forza armata sia in patria sia nei teatri operativi.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento