CO.CE.R. Graduati e Truppa A.m. -No alla guerra dei “poveri”– No a un Riordino Iniquo

 Si sta assistendo da giorni ad un “bailamme mediatico” sulle intenzioni di voto dei militari nel prossimo referendum Costituzionale, con grave strumentalizzazione di servizi giornalistici che descrivono con verità i sentimenti del Personale, esternati dal comunicato stampa della Categoria “D” che, nei fatti, vogliono solo riportare l’attenzione del Ministro verso la categoria rappresentata, rispetto al provvedimento di Riordino delle Carriere che il personale militare TUTTO attende da oltre 20 anni.

-Stigmatizziamo, quindi, dichiarazioni “di pochi” che accampano posizioni di interi Consigli di Rappresentanza, ricordando che le risorse messe a disposizione dal Governo non possono e non devono essere al servizio di posizioni di parte ma, al contrario, prevedere un’equa e meritocratica risoluzione di ataviche rivendicazioni professionali, con una conseguente  giusta ripartizione economica. Lo dichiarano i delegati nazionali del Co.Ce.R. Sezione A.M.. Alessandro Gagliarducci e Francesco Di Pietra.

Condivisione

Lascia un commento