Tutti gli articoli

Commissione d’inchiesta su militari deceduti o ammalati

Decessi e gravi malattie che hanno colpito il personale italiano impiegato in missioni militari all’estero: una faccenda su cui grava ancora un alone di mistero e incertezza. La novità di queste ore è che il deputato salentino del Partito Democratico Federico Massa (primo da destra), su chiamata del presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, farà parte della Commissione parlamentare d’inchiesta su tali casi.

La faccenda riguarda, in particolare, chi ha lavorato nei poligoni di tiro e nei siti in cui vengono stoccati munizionamenti, in relazione all’esposizione a particolari fattori chimici, tossici e radiologici dal possibile effetto patogeno, con particolare attenzione agli effetti dell’utilizzo di proiettili all’uranio impoverito e della dispersione nell’ambiente di nanoparticelle di minerali pesanti prodotte dalle esplosioni di materiale bellico e a eventuali interazioni. La comunicazione è stata data nei giorni scorsi proprio dalla Presidenza della Camera dei Deputati.

Il parlamentare salentino ha ringraziato il presidente Boldrini per la fiducia concessagli e ha assicurato la sua dedizione alla causa. “L’importanza e la delicatezza dei temi trattati dalla Commissione d’inchiesta – ha sottolineato – impongono un lavoro serio, puntuale e costante. Nel portare avanti questo impegno avrò sempre un pensiero al Salento, spesso scenario di fenomeni riguardanti la problematica relativa alla presenza di uranio impoverito. Penso ad esempio al caso del poligono militare di Torre Veneri. Nella piena consapevolezza del ruolo a cui sono stato chiamato, pertanto, garantirò il mio impegno affinché si persegua nella strada dell’accertamento dei fatti e del monitoraggio continuo delle problematiche oggetto del lavoro della Commissione d’inchiesta”.
continua a leggere:

Commissione d’inchiesta su militari deceduti o ammalati: Massa (Pd) tra i componenti. Abaterusso: “Garantire verità”

Condivisione

Lascia un commento