Carabinieri arrestano 3 Vigili del Fuoco, bustarelle in cambio dei certificati antincendio

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Sono tre i Vigili del Fuoco finiti agli arresti.Con loro altre cinque persone tra professionisti e imprenditori.

Mazzette per il rilascio di certificati antincendio.

È questa l’accusa ai tre funzionari dei vigili del fuoco, rispettivamente del comando di Torino ( uno in pensione),  e l’altro negli uffici Roma. A finire in manette , Giovanni Amendolagine,  del comando di Torino,  Pasquale Boggeri, già in pensione e Nazzareno Feliciani, del comando centrale di Roma, che si contraddistinse per l’intervento a Onna, dopo il terremoto dell’ Aquila,  dove morirono ben 40 persone.

 

Sono stati accusati tutti di corruzione .

 

 

«Gli episodi documentati in ordinanza – spiega il colonnello Domenico Mascoli, comandante nucleo investigativo – sono isolati ma riteniamo che questo sistema sia ben più esteso, dal quale tutti traevano vantaggi: i professionisti da una parte, desiderosi di sistemare le pratiche onerose sulle prescrizioni antincendi e i funzionari pubblici dall’altra. È per questo motivo che invitiamo la gente a contattarci, perché riteniamo che il fenomeno abbia coinvolto anche altri soggetti». Tra i professionisti nei guai, Antonio Esposito, architetto che si è occupato dei punti vendita Carrefour, società estranea alla vicenda.

 

 

I carabinieri hanno filmato in più occasioni lo scambio del denaro: uno dei funzionari arrestati si è addirittura recato ad alcuni appuntamenti intascare le bustarelle con l’auto di servizio. L’indagine, avviata nel 2014 e nata da una segnalazione del comando provinciale del corpo, ha dimostrato una serie di episodi di natura corruttiva tra imprenditori, professionisti e pubblici ufficiali dei vigili del fuoco per il rilascio delle autorizzazioni e certificazioni inerenti alla prevenzione degli incendi.

 

Stando alle indagini i funzionari dei Vigili del Fuoco o i professionisti incaricati da imprenditori ed enti della redazione del certificato prevenzione incendi avrebbero ipotizzato costi di adeguamento degli impianti antincendio particolarmente alti, favorendo così un giro denaro o altre regalie per ottenere valutazioni più economiche. «Alcuni imprenditori – spiegano in una nota gli investigatori – erano consapevoli del patto corruttivo; in altri casi erano i professionisti a elargire utilità ai funzionari pubblici, gonfiando i costi della propria prestazione d’opera». Nel corso dell’esecuzione delle misure sarà effettuata una perquisizione a un funzionario dei Vigili del Fuoco di Milano, allo stato indagato.

 

Condivisione

Lascia un commento