Beretta AR-70/223 e AR-70/90

      Nessun commento su Beretta AR-70/223 e AR-70/90
APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting
Beretta AR-70/223 assault rifle

Beretta AR-70/223




NSM è anche su TELEGRAM . Per saperne di più,  clicca QUI

Nel lontano 1968 la Pietro Beretta Spa iniziò a sviluppare un nuovo fucile d’assalto compatibile con le 5.56 mm americane. Nel 1972 prese quindi forma l’ AR-70/223  disponibile in tre versioni base (fucile d’assalto standard AR-70/223, carabina SC-70/223 con stessa canna e calcio pieghevole, e carabina speciale SCS-70/223 con canna accorciata e calcio pieghevole).
Anche la variante Squad Automatic (mitragliatrice leggera) del modello base 70/223, con la canna pesante e rimovibile, è stata sviluppata ma mai prodotta in quantità industriali. Il progetto di base dimostrò alcuni piccoli difetti. Quando l’ Esercito italiano sostituì  i suoi fucili automatici Beretta BM59 da 7,62 mm con il nuovo fucile d’assalto NATO da 5,56 mm, Beretta partecipò al contest con la versione aggiornata del 70/223.
La prima apparizione avvenne nel 1985 . Nel 1990 fu adottato come fucile d’assalto base AR-70/90, con le modifiche disponibili di SC-70/90 (stesso fucile ma con il buttstock pieghevole per le Forze speciali) e SCP-70/90 (Carabina truppe aviotrasportate con accorciamento canna e calcio pieghevole).
Una versione automatica  con canna pesante non rimovibile e bipiede rimovibile fu resa disponibile come AS-70/90. I fucili 70/70 e 70/90 destinati ad uso civile sono disponibili solo nelle versioni semi-automatica.  Descrizione tecnica.  I fucili AR-70/223 e AR-70/90 sono molto simili nella progettazione di base, ma con alcune differenze. 

Beretta SCS-70/223

L’AR-70/90 è un’arma da fuoco selettiva alimentata a gas.  Sull’AR-70/223 il ricevitore superiore è a sezione quadrata, con guide a bullone stampato. Questo design ha dimostrato di non essere abbastanza forte, quindi l’AR-70/90 presenta una sezione trasversale superiore del ricevitore a forma trapezoidale, con guide a bullone separate saldate in posizione.

Beretta AR 70/90




L’alimentazione delle armi della serie AR-70/90 viene ottenuta utilizzando caricatori STANAG (tipo M16), con il pulsante ambidestro di rilascio del caricatore situato su entrambi i lati dell’alloggiamento del caricatore nel ricevitore inferiore.  Entrambi i fucili AR-70/90 e AR-70/223 sono dotati di un dispositivo di arresto  che lascia il carrello aperto  quando viene sparato l’ultimo  colpo del caricatore. 
Per tutti i fucili AR-70/90 è disponibile una maniglia di trasporto rimovibile con base passante. L’AR-70/90 può anche essere equipaggiato con il visore notturno Zeiss “Orion” o il mirino del mirino Aimpoint4X (eventuali altri mirini con montaggi compatibili possono anche essere facilmente installati, se necessario). 
Le carabine delle Forze speciali SC-70/223 e SC-70/90 sono diverse dai fucili AR solo con i buttstock metallici di tipo scheletrico laterale, ricoperti di plastica. La carabina SCP-70/90 è simile alla SC-70/90 tranne che ha una canna accorciata che non può essere usata per lanciare le granate  . Tuttavia, è disponibile uno speciale lanciagranate a carabina amovibile per carabine a canna corta, che possono essere facilmente bloccate sulla canna .




loading…


Condivisione

Lascia un commento