Amianto in Arsenale, dati da brivido per i gravi danni di salute al personale

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Sono 46 i casi di mesotelioma accertati dal ReNaM COR Puglia in operai civili dell’Arsenale MM di Taranto.
Dati da brivido quelli che emergono dal Registro Mesoteliomi COR Puglia e che confermano i danni causati dall’amianto nel personale civile e militare che ha lavorato negli Arsenali di Taranto e Brindisi e a bordo del naviglio Marina Militare.

Sono complessivamente 82 i casi di mesotelioma, il tumore alla pleura causato dall’amianto, precisamente 46 operai dell’Arsenale MM di Taranto, 3 operai dell’Arsenale MM di Brindisi e 33 militari marina, una situazione che rafforza le preoccupazioni di Contramianto sugli eccessi di patologie asbesto correlate nei lavoratori Arsenale, indotto e Marina Militare.
Dei 46 arsenalotti di Taranto colpiti da mesotelioma, due sono donne entrambe dell’ex Reparto Vele e Bandiere, quarantaquattro sono uomini che hanno svolto le più disparate mansioni lavorando nelle officine e a bordo di navi e sommergibili: Aggiustatore Meccanico, Coibentatore, Collaudatore Meccanico, Congegnatore, Elettricista, Cuoco a terra ed a bordo, Elettromeccanico, Meccanico di armi subacquee, Motorista, Tornitore, Tubista, Carpentiere, Conduttore di Caldaie, Congegnatore Meccanico, Magazziniere del deposito amianto, Meccanico Motorista, Motorista Montatore, Tornitore Meccanico, un elenco non esaustivo ed in continua evoluzione con nuovi casi di mesotelioma da valutare.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento