ALTRI DUE MARESCIALLI MUOIONO DI TUMORE – MOLTO PROBABILMENTE A CAUSA DELL’URANIO

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

Ieri altri due colleghi sono morti,due Marescialli, rispettivamente dell’Esercito Italiano e dell’Aeronautica Militare.

Entrambi hanno condotto una lotta durata 5 anni, tra sofferenze inenarrabili, ed entrambi avevano partecipato alle missioni all’estero, venendo molto probabilmente a contatto con l’uranio impoverito.

Il Maresciallo dell’Esercito,L.A., ha avuto un tumore alla mascella, che poi lo ha aggredito cervello e aipolmoni.E’ deceduto nella sua abitazione in provincia di Avellino. Secondo i commilitoni e la stessa moglie del sottufficiale, la patologia sarebbe stata contratta a causa delle polveri di uranio impoverito, inalate nel corso delle numerose missioni all’estero cui ha partecipato il militare.

Il sottufficiale dell’ Esercito aveva 48 anni, era stato congedato cinque anni fa, quando la malattia lo aveva aggredito, e da allora viveva in un piccolo centro alle porte di Avellino, con la moglie e i due figli di 13 e 8 anni.( leggi qui:http://www.avellinotoday.it/cronaca/uranio-impoverito-esercito-avellino-morto-maresciallo.html)

Gian Luca Danise invece si era arruolato in Aeronautica Militare da oltre 20 anni. Partecipò a numerose missioni all’estero, fu uno dei primi ad arrivare a Nassiriya , dove ricompose , a 40° all’ombra, i corpi dilaniati dei colleghi che persero la vita nell’attentato.

 

Gianl Luca fu perfino contattato dalla Ministra Pinotti, dopo che aveva chiesto il suo aiuto in un video tramite l’huffingtonpost, (  vai al video: http://www.huffingtonpost.it/2014/05/10/gianluca-denise-uranio-impoverito_n_5300819.html ) l’ aiuto però non arrivò.

Gianluca lascia la moglie e una figlioletta di un anno.(Leggi qui:https://www.facebook.com/domenico.leggiero/posts/968532113213784)

Entrambi hanno patito , lottato, sperato.Lo hanno fatto da soldati, fino all’ultimo respiro, confidando nell’intervento del governo, sperando che alle loro famiglie fosse riconosciuto almeno un indennizzo economico che potesse farle vivere con serenità.

Sono morti poche ore dopo il saluto del Presidente del Cosiglio al contingente italiano in Libano, saluto avvenuto in jeans e giacca mimetica.

Da interpretare la frase di Renzi: l’Italia è orgogliosa dei suoi soldati. ( leggi qui:http://www.repubblica.it/politica/2015/12/22/foto/libano_renzi_in_mimetica_incontra_il_contingente_italiano-129974785/1/#1)

Inutile soffermarci nelle polemiche, inutile cercare capri espiatori, è una storiia lunga che dura da tanto, troppo tempo.

i marescialli sono deceduti, i loro colleghi si prenderanno sicuramente  cura dei loro cari.

Da questo portale, prossimamente, con il consenso dei familiari , potrebbe essere avviata una raccolta fondi sui conti correnti dei familiari.

Riposate in pace.

 

 

 

Condivisione

Lascia un commento