facebook
Tutti gli articoli
Aids. La lotta di un infermiere militare per non perdere il posto di lavoro

Andrea(nome di fantasia) ha 30 anni, una carriera da Infermiere militare, raggiunta con sacrificio, tra notti passate sui libri ed anni passati a soccorrere i profughi sulle coste siciliane.

In un giorno qualunque decide di andare a donare il sangue e, si ritrova con una diagnosi infausta, che da quel momento cambierà la sua vita: Sieropositivo.

Comincia da qui il calvario di Andrea, che da questo momento dovrà lottare per salvare se stesso ed il suo posto di lavoro.

Il giovane infermiere comincia la sua battaglia per continuare a lavorare, una battaglia durata un anno, contro gli alti gradi militari, con continue segnalazioni al garante della privacy, che hanno permesso di cambiare il regolamento del ministero della Difesa (Smm/Is150Ueu), in contrasto con la legge sulla privacy e con quella che tutela i diritti dei sieropositivi (135/1990).

La legge 135/1990,prevede la non obbligatorietà dei test dell’Hiv e l’anonimato per chi vi si sottopone. Prescrizioni che sono rimaste lettera morta: Andrea e’ rimasto a casa per 7 mesi, con lo stipendio decurtato. Mesi in cui una commissione medico-legale, seguendo un regolamento interno, ha continuato ad abbinare nei verbali la diagnosi al suo nome e cognome.

E’ stato umiliato in ogni maniera, discriminato, guardato con sospetto; gli è stato chiesto ripetutamente quale fosse il suo orientamento sessuale, come se l’HIV non potesse averlo contratto il servizio.

La forza e la tenacia, di chi sapeva di subire un torto immenso lo hanno condotto a destare l’attenzione del Garante della privacy edAndrea è tornato alla sua attivita’ di infermiere grazie ad un provvedimento che stabilisce che Ministero della Difesa debba essere inibito a trattare ulteriormente i suoi dati sensibili e dovra’ adeguare i propri regolamenti e i modelli di verbale alla legge. Leggi tutto, clicca QUI

About the author

Related Post

Leave a comment

error: Content is protected !!