Tutti gli articoli

4 Eurofighter Typhoon dell’Aeronautica militare schierati a Keflavik in missione NATO





Per la terza volta, i jet italiani F-2000A si sono schierati a Keflavik ( Islanda) per garantire la sicurezza dello spazio aereo islandese.
Dal 4 settembre, quattro aerei Eurofighter Typhoon dell’Aeronautica militare italiana sono stati impiegati nella base aerea di Keflavik, in Islanda, per contribuire , in ambito della coalizione della NATO alla sorveglianza dello spazio aereo islandese.

Nelle prossime settimane, i piloti italiani opereranno in QRA (Quick Reaction Alert), fornendo capacità di intercettazione per l’Islanda, un alleato  NATO che non ha molte risorse in tema di difesa aerea. Oltre al controllo dello spazio aereo, i Typhoon italiani condurranno anche attività di formazione congiunte insieme alla guardia costiera islandese ed al Centro di controllo e segnalazione della NATO.



Negli ultimi dieci anni nove alleati – Canada, Repubblica ceca, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Portogallo e Stati Uniti – hanno schierato aerei da combattimento nella missione islandese.

Negli ultimi anni, i Typhoon italiani hanno contribuito a rafforzare la funzione di sorveglianza aerea in tutta Europa, compresi Bulgaria, Montenegro e Stati baltici. L’Aeronautica militare italiana ha assicurato la sorveglianza degli spazi aerei di sei nazioni [Italia, Estonia, Lituania, Lettonia , Slovenia e Albania (a rotazione con uno sforzo condiviso con la Hellenic Air Force)]. Un record all’interno della NATO.



loading…


 

Condivisione

Lascia un commento