Chiude la base militare dell’ Aeronautica di Padova – Il dissenso della politica locale

APRI IL TUO SITO O IL TUO BLOG AD UN COSTO VANTAGGIOSO SU SITEGROUND Web Hosting

NSM è anche su TELEGRAM . Per saperne di più,  clicca QUI

Duro  intervento  di due assessori  della cittadina veneta, l’assessore Elena Donazzan e il vicepresidente del consiglio regionale del Veneto Massimo Giorgetti :

È vero che la chiusura era già stata paventata anni fa, ma è anche vero che sulla faccenda non c’era mai stata sufficiente chiarezza e si erano intervallate conferme e smentite che hanno in più fasi intimorito e rassicurato il personale dipendente».

Poca chiarezza”

“Apprendiamo basiti la notizia della prossima soppressione del 2° Reparto Manutenzione Missili dell’Aeronautica Militare di via Sorio a Padova: questa struttura, dove attualmente sono impiegate all’incirca 300 unità di personale tra militari e civili, grazie alla sua centralità territoriale ha da sempre ricoperto un ruolo di particolare rilievo nell’attività dell’Aeronautica Militare nella nostra regione. È vero che la chiusura era già stata paventata anni fa, ma è anche vero che sulla faccenda non c’era mai stata sufficiente chiarezza e si erano intervallate conferme e smentite che hanno in più fasi intimorito e rassicurato il personale dipendente” spiegano i due consiglieri regionali azzurri.

“Disagi al personale”

“La chiusura di un presidio militare di queste dimensioni causerebbe importante disagio al personale dipendente: si pensi a quanti, impiegati nella base da decenni, avevano stabilito la residenza della propria famiglia nel capoluogo patavino o nei comuni della cintura urbana, anche a fronte di investimenti per acquistare una abitazione di proprietà. Il trasferimento del personale alla base di Istrana, raggiungibile in auto in non meno di un’ora di viaggio e non servita da Padova con collegamenti pubblici diretti, porterebbe alla necessità di traslocare intere famiglie, strappandole da un territorio che ormai considerano la propria casa” spiega l’assessore Donazzan. “Resta poi il nodo delle strutture, destinate nell’immediato all’abbandono e al conseguente degrado: come spesso accade, prima di alienazioni o piani di recupero e valorizzazione possono passare anni, trasformando stabili ancora funzionali in aree degradate. Senza contare le possibili ripercussioni sul vicino aeroporto civile di Padova, che vedrebbe perdere così parte del suo prestigio e della sua funzionalità. Infine, si pensi all’indotto che un presidio militare come questo può rappresentare” spiega il vicepresidente Giorgetti.

 Mozione

Sulla questione il Gruppo Forza Italia in Consiglio regionale del Veneto ha presentato oggi una mozione (allegata al presente comunicato). “Anche per questo, assieme al collega Giorgetti, ho voluto presentare oggi una mozione affinché la Regione Veneto chieda con forza allo Stato Maggiore dell’Aeronautica ed al futuro Governo di invertire la rotta, scongiurando la soppressione del 2° Reparto Manutenzione Missili dell’Aeronautica Militare di via Sorio a Padova. Il territorio della provincia di Padova, ma più in generale l’intero Veneto, ha già perso troppe basi e troppi presidi militari: non si replichi agli errori che abbiamo già visto con la chiusura dell’aeroporto militare di Vicenza, e si ripensi il piano di soppressioni in maniera più equa” conclude l’assessore Donazzan.

FONTE 

Condivisione

Lascia un commento